Segni dal cielo: le colombe e i gabbiani di Papa Francesco

4 Risposte

  1. Susanna Zamagna ha detto:

    Anch’io sono una una di quelle persone un po’superstizioso che quando vede corvi o Cornacchia e gabbiani subito si impressiona. Però mentre corvi e Cornacchia portano male, i gabbiani li ho sempre considerati di buon auspicio.
    Per quanto riguarda ciò che è successo in Vaticano, io lo ho interpretato così :la colomba è la pace, il corvo è l’isis il fondamentalismo islamico che vuole la guerra, ma poi chi veramente ucciderà la pace sarà l’America e il mondo occidentale, cioè noi, quelli che ci riteniamo sempre dalla giusta parte. Rammento che anche i testimoni di Geova mi hanno raccontato che nell’apocalisse l’ultimo impero sarà quello anglo-americano e l’organizzazione del’onu e cioè il “gigante dai piedi di ferro e di argilla”cioè una democrazia che non disdegna assolutamente di usare le armi per imporsi

  2. marco ha detto:

    I “segni” e la loro interpretazione , o meglio collocazione.Testo ed argomento interessanti e trattati con approccio laico ed un senso critico colto e misurato, doti rare al giorno d’oggi soprattutto in Italia.Complimenti Ginevra. Nel frattempo però il mondo è drammaticamente cambiato ed i “segni” ora non si prestano più ad alcuna interpretazione, sia essa laica religiosa o mistica. Purtroppo l’evidenza di questi “segni” è terribile e tragicamente reale. In tre parole: ISIS, EBOLA, CLIMA. La prima delle tre rappresenta una guerra di religione in nome di Allah di inaudita ferocia dichiarata senza mezzi termini all’occidente , con la particolare volontà di colpire e conquistare il Vaticano. La seconda rappresenta una malattia mortale, al momento incurabile, che nonostante fosse presente in Africa dal 1975 ed ivi circoscritta per quarant’anni, all’improvviso e con un tempismo in relazione all’ISIS che fa rabbrividire, si sta espandendo a macchia d’olio raggiungendo Europa e Stati Uniti con la reale possibilità che si trasformi in una pandemia su scala mondiale. Infine il clima, questo illustre sconosciuto, si è trasformato in un mostro oscuro ed imprevedibile. Le previsioni meteorologiche ed i dati che le supportano sono ormai carta straccia causa di un clima che somiglia sempre più ad una scheggia impazzita regolata da leggi naturali che rifiutano la catalogazione scientifica. Anche in questo caso l’esacerbazione degli eventi climatici in tutto il mondo ha registrato il suo picco massimo a ridosso del 2014 mietendo migliaia di vittime. Una coincidenza? Sinceramente non saprei. Io non sono una persona incline ai catastrofismi e mi dissocio da qualsiasi forma di estremismo ideologico e di pensiero, tuttavia la concomitanza degli eventi che ho citato mi lascia perplesso e preoccupato circa il futuro dei nostri figli.

  3. Ellah K.Drake ha detto:

    Mi è piaciuto molto il modo in cui hai affrontato questi argomenti, con molta delicatezza ma anche arguzia e intelligenza, senza sconfinare nell’esagerata mistificazione di alcuni avvenimenti, perché alcuni potrebbero essere segnali ma anche semplici circostanze e casualità… Resta a noi decidere a che cosa credere in fin dei conti. Tra l’altro non sapevo della storia del gabbiano, ultimamente dicono che Roma ne è invasa, personalmente non credo a certi segni. Sono curiosa di leggere il post sulla Emmerich 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Show Buttons
Hide Buttons