Il misterioso caso di William “Bill” Ramsey, il lupo mannaro di Londra

Esistono i lupi mannari? Stando alla storia che so per raccontarvi, direi proprio di sì. Questa è la storia di William Ramsey, un ragazzino come tanti, nato e cresciuto nella cittadina balneare di Southend, nell’Essex, Inghilterra Orientale. Un bambino come tanti altri, ma che a soli nove anni ebbe una prima esperienza “sconvolgente”, che probabilmente lo sconvolse per tutta la vita. Era un sabato pomeriggio di maggio, anno 1952, William stava giocando nel giardino della sua casa, quando iniziò a sentirsi strano. Faceva caldo, quel giorno, e improvvisamente una raffica di vento gelido lo investì. Il sudore gli si gelò sulla pelle e un fetore nauseabondo lo avvolse, provocandogli addirittura il vomito. Il giovane prese a gridare, sconvolto, mentre due sole immagini s’impadronirono della sua mente: un’onda anomala che si avvicinava rapida e un branco di lupi minacciosi.

William si mise a correre, e raggiunse la recinzione del giardino di casa. Qui lo trovò sua madre, mentre urlava e tentava, a mani nude, di sradicare un palo della recinzione, piantato molto a fondo. La madre di William lo raggiunse, e per tutta risposta suo figlio le si rivoltò contro, ringhiando, col paletto in mano.
La donna era decisamente spaventata, non tanto per la furia del figlio, mai vista prima d’ora, ma perchè non riusciva a capire in che modo un bambino di soli 9 anni potesse essere in grado di rimuovere un palo a mani nude. Nè lei né il marito, infatti, erano stati in grado di muovere di un centimetro gli altri paletti della recinzione, e ora guardavano impotenti William, che faceva oscillare quello stesso paletto come una mazza.
William sembrava posseduto da una forza sovrumana, i tratti del suo volto erano deformati, mentre guardava i genitori con un odio che nessuno gli aveva mai visto prima d’ora.
Poi, il bambino fece qualcosa che spinse i genitori a temere per la loro stessa incolumità: William Ramsey si mise il filo metallico della recinzione in bocca e cominciò a rosicchiarlo. I geniotri sentirono improvvisamente l’aria diventare più fredda, e fu allora che William emise un ringhio basso e lamentoso. In quel momento entrambi i suoi genitori rimasero chiusi in casa, lasciando William fuori, e aspettando che il bambino si calmasse.

Continua a leggere “Il misterioso caso di William “Bill” Ramsey, il lupo mannaro di Londra”

The haunting, il terribile caso della famiglia Smurl

Smurl_home_nowDal 1974 al 1987, una famiglia americana che risiedeva a Welles House, una bella casetta in Chase Street, a West Pittston, in Pennsylvania, visse degli episodi di autentico terrore a causa di un poltergeist particolarmente violento che sembrava essersi accanito con loro. La storia della famiglia Smurl cominciò quando Jack e Janet Smurl si trasferirono da Wilkes-Barren in Pennsylvania a West Pittson, per sfuggire ai danni provocati dall’uragano Agnes, che si era abbattuto in quella zona nel 1972. Così nel 1973 traslocarono nel duplex che i genitori di Jack avevano acquistato, condividendo la casa con loro. Jack, Janet e le loro due figlie, Dawn e Heather, vivevano in una metà della casa mentre i genitori di Jack, John e Mary, vivevano nell’altra. La casa era stata costruita nel 1896, e dava su una strada tranquilla in un quartiere abitato prevalentemente da persone di media classe sociale. Insomma, una casa ordinaria, che però, purtroppo per i suoi occupanti, divenne straordinaria, e nel modo peggiore.

Il museo dell’occulto dei Warren

Ped_e_lorrainearlando del museo più infestato al mondo, la Torre di Londra, mi sono chiesta: esiste un museo che raccoglie oggetti maledetti? Oggetti infestati? E questo museo potrebbe togliere il primato all Torre di Londra?
Tempo fa avevo visto su Real Time (o Dmax, non me lo ricordo) un programma in cui una squadra di investigatori si trovava ad aver a che fare con oggetti infestati…e dopo aver indagato nelle case dei possessori di quegli oggetti, immancabilmente i proprietari si disfacevano dell’oggetto stregato affidandolo al capo di questa organizzazione. Il vero museo dell’occulto si trova a Monroe, nel Connecticut, ed è il famoso The Warren’s Occult Museum”.

La cosa incredibile di questo museo è che si trova nella casa in cui vivono gli stessi proprietari. Qui sono conservati tutti gli oggetti che sono stati collegati, dopo opportune verifiche eseguite da più parti, a veri e propri casi di possessione diabolica, infestazione ad opera di spiriti ed elementi riconducibili a ogni altro tipo di fenomeno paranormale.

I coniugi Ed e Lorraine Warren sono infatti considerati i più famosi ricercatori dell’occulto. Ed è stato tra i più accreditati “demonologi” degli Stati Uniti, mentre la moglie è sempre stata indicata come una chiaroveggente e ancora oggi porta avanti la propria attività di ricerca di fenomeni paranormali in memoria del marito defunto da anni. Negli ultimi 50 anni, le stesse autorità religiose hanno ripetutamente chiamato i Warren perchè li affiancassero nella lotta che da sempre la Chiesa combatte con il Maligno, in tutte le sue molteplici forme.

Nell’arco degli anni sono intervenuti in casi di rilevanza e di così forte impatto mediatico, che questi interventi hanno ispirato diverse pellicole Hollywoodiane, dal racconto della casa infestata di Amityville alla storia dell’infestazione in Connecticut. 

Continua a leggere “Il museo dell’occulto dei Warren”