Il capitello dei fantasmi

8 Risposte

  1. Mathias ha detto:

    che bellezza questo ritorno alle origini…brava!

  2. Artemisia1984 ha detto:

    Bel post, come sempre…:)

    La torta di cui parli…potrebbe essere la ”Foresta nera”…

  3. EDU ha detto:

    Anch’io adoro la montagna. E’ davvero riposante e rigenerante e poi di mangia alla grande!
    Tornando al post le processioni spettrali sono un classico mistero che puoi ritrovare un po’ in tutta Italia, anche dalla mie parte.
    Qui vengono definite come anime del purgatorio e a volte vanno persino a messa in chiesette sconsacrate e abbandonate.
    Ho scritto anche un racconto sull’argomento intitolato “Un Natale spettrale”. Lo trovi sul sito di Aphorism.
    Bentornata e a presto!

  4. liber@discrivere ha detto:

    @Nick: eheheh sn come il prosciutto crudo: più invecchia più saporito viene 😉

    @Angie: ciao!!!!! eh sì ho già ripreso le redini del blog, non riuscivo a star senza scrivere ancora per molto 😉

    @Mark: purtroppo è così: i fantasmi non ci sono più, ed è un vero peccato perchè per costruire uno stupido albergo han distrutto un paesaggio che era bellissimo!

  5. mark ha detto:

    Il capitello come le montagne, in prospettiva non mutano, tranne che per i fantasmi.

  6. angie ha detto:

    Ben tornata, come stai? vedo che hai ricominciato subito, alla grande finalmente………oooooooohhhhhhh!!!!!!

    Ciao Angie Ginev

  7. Nick ha detto:

    E che bello, non ti smentisci anzi migliori col tempo. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Show Buttons
Hide Buttons