Terremoti: Pollino, Veneto e Islanda?

4 Risposte

  1. gattonero ha detto:

    Beh, così diventa più leggibile, grazie Nick.
    Ci fosse una risposta alla tua ultima domanda, probabilmente tu torneresti a parlare di leggende e di fantasmi per mancanza di motivazioni per continuare a trattare l’argomento terremoti et similia.
    Sempre con la speranza che la Terra si dia una calmata, le tue informazioni fanno soprattutto capire che nessuno è al sicuro da questi singhiozzi.
    Speriamo in bene, poiché solo di speranza possiamo per ora nutrirci, visto che nell’immediato altro concreto non possiamo fare.
    Da tempo la necessità di costruire antisismico è diventata obbligo, ma ogni volta che succede un patatrac ci si rende conto che poco/niente è stato fatto.
    Ciao, un saluto sussultorio.

    • Donata Ginevra ha detto:

      NO, purtroppo nessuno di noi è al sicuro da nulla. E non solo dal terremoto purtroppo, anche dalla pioggia. Qui in Veneto piove ormai da ieri mattina, senza un attimo di tregua, i fiumi si stanno alzando, da qualche parte sono già a livelli di guardia, psero solo che non succeda come due anni fa quando andammo sott’acqua, ma le premesse buone non sono, e mi sembra di rivivere quei momenti…l’alluvione avvenne il 2 novembre…e guarda caso, ci stiamo avvicinando a quella data….che ansia 🙁

  2. Nick Parisi. ha detto:

    Ti posso aiutare almeno su una cosa: in lingua islandese la parola “Jokull” significa per l’appunto “Vulcano”. Quindi la traduzione sarebbe il Vulcano Eyjafjalla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: A questo blog non piace il copia-incolla!