Hinterkaifeck. Il mistero di un massacro – seconda parte

9 Risposte

  1. Marco Lazzara ha detto:

    Di sicuro non è stato il poltergeist! Probabilmente un vagabondo di passaggio.

  2. theobsidianmirror ha detto:

    Uno di quei classici misteri destinati a rimanere tali. Non credo a nessuna delle teorie che cercano di identificare l’omicida come uno che in passato abbia avuto a che fare con la famiglia Grobern. Sembra più che altro l’opera di un folle omicida di passaggio, come ce n’erano tanti a quel tempo (ricordi il caso Villisca che trattai sul mio blog un paio d’anni fa?). Lo proverebbe il fatto che si sia trattenuto per giorni nell’abitazione delle sue vittime, mangiando, bevendo e dormendo allegramente…
    Sono anche perplesso sulla possibilità che l’omicida sia riuscito ad attirare quattro persone, una dopo l’altra, nella stalla per poi ucciderle. D’altra parte sarebbe altrettanto assurdo pensare che si sia preso la briga di trascinarsi in giro quattro cadaveri…
    Per fortuna almeno il cane è stato risparmiato… e questo particolare potrebbe voler dire molte cose, chissà…

    • Donata Ginevra ha detto:

      sì, credo anche io si sia trattato di un vagabondo, e il fatto che abbia risparmiato il cagnolino in effetti è abbastanza emblematico…però, in effetti, non si saprà mai la verità…

  3. francesca ha detto:

    Una storia incredibile. La realtà purtroppo spesso supera la fantasia.

  4. Nick Parisi ha detto:

    Grande dossier, as usual! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: A questo blog non piace il copia-incolla!