Gli algoritmi dei social media cambiano ogni giorno. La crescente concorrenza costringe i professionisti SMM ad adattarsi rapidamente alle nuove condizioni e ad essere sensibili alle nuove tendenze. Per prima cosa, contenuto interattivo — comprende tutto ciò che, in un modo o nell’altro, spinge il pubblico a lasciare un like, un commento, una condivisione o un’altra reazione positiva. Ci sono interazioni una tantum e altre in più fasi. Nel primo caso, è tutto molto semplice — pubblichi un post, e te ne dimentichi per sempre. Al cuore di ogni attività interattiva occasionale c’è la seguente formula: “qualche problema che deve essere risolto dall’utente” + “motivazione per una soluzione”. Le interazioni una tantum includono vari generatori di nomi e idee, puzzle digitali e rompicapo, nonché indovinelli sull’argomento del progetto. Inoltre, le attività interattive occasionali possono includere la vendita diretta di un prodotto. Ad esempio, le aste possono essere attività di questo tipo. Altri esempi di interazioni una tantum:
  • Caccia agli oggetti – gli oggetti sono nascosti nell’immagine, il pubblico è invitato a trovarli tutti.
  • Continua la frase – si imposta l’inizio della frase, il pubblico dovrà completarla nei commenti. Ad esempio, la frase “stasera io …”.
  • Didascalia originale – il pubblico è invitato a creare una didascalia unica per l’immagine o la foto.
Spunti di discussione – al pubblico vengono poste le domande come “Valuta l’idea / Cosa ne pensi?” Spesso, per incoraggiare l’interazione vengono scelti argomenti di discussione provocatori. Le interazioni a più fasi possono includere varie “olimpiadi” e concorsi avanzati in cui il pubblico partecipa a diversi giochi differenti per aumentare le possibilità di vincere la competizione. Esempi di interazioni in più fasi:
  • Olimpiadi – viene annunciata una serie di attività interattive, i cui vincitori hanno maggiori possibilità di vincere e ricevere un regalo;
  • Concorso di attività – un normale concorso in cui i partecipanti ricevono punti per aver lasciato like e/o commenti;
  • Eventi tematici – questi includono formati interattivi in più fasi.
La caratteristica principale di ogni corretta attività interattiva è un collegamento diretto dell’argomento del post con il prodotto o l’ambito dell’azienda nel suo complesso. In poche parole, creiamo intrattenimento e contemporaneamente vendiamo il prodotto dell’azienda. Il secondo sono le mailing list. Il tipo più popolare di mailing è con contenuti utili, così come anche mailing con informazioni sulle promozioni. Le newsletter non sono solo messaggi su promozioni e notizie utili. Inoltre, i mailing possono essere un ottimo strumento per comunicare con il pubblico, un canale per la distribuzione di contenuti unici. Informiamo il pubblico sulle nuove iniziative, otteniamo un buon coinvolgimento e il pubblico non si perde le attività interattive e riceve regali per l’attività. In terzo luogo, la mascotte è un personaggio immaginario che riflette le idee chiave dell’azienda e che viene utilizzata nelle comunicazioni di marketing con il pubblico. La mascotte aiuta a instaurare una comunicazione cordiale e amichevole tra l’azienda e il pubblico. Inoltre, la mascotte distingue l’azienda dalla concorrenza e gli utenti ricordano il marchio molto meglio. La mascotte ti consente di dare a un marchio impersonale un “volto vivente”, il che semplifica notevolmente la comunicazione con il pubblico. Quarto, cover interattive. Possono essere usate per qualcosa di più che presentare i nuovi membri o il tempo che fa. Ad esempio, le copertine interattive possono essere utilizzate per vari meccanismi complessi, per giochi e concorsi. Infine, le nuove tecniche di promozione trovano sbocco nell’approccio generale alla gestione delle pagine sui social network. Per gestire i social network, puoi rivolgerti a servizi Internet dedicati che ti aiuteranno ad automatizzare l’intero processo. Ad esempio, Postoplan — https://postoplan.it/ — è un sistema intelligente per la pubblicazione automatica, la pianificazione e la promozione di post. D’ora in poi, fai valere questa regola — non pubblicare contenuti che potenzialmente non raccoglieranno molte reazioni positive da parte del pubblico. Quindi, nel progettare un piano di contenuti settimanale, cerca di “stimare” approssimativamente, in base alle statistiche del periodo passato, quale dei post può raccogliere abbastanza like e commenti e quale, molto probabilmente, passerà inosservato. E scarta quello che pensi non attirerà interazioni, oppure modificalo.
Print Friendly, PDF & Email


Ti potrebbero interessare anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: A questo blog non piace il copia-incolla!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: