Dopo Masterchef, ecco Masterpiece…a quando un Masterstrunz?

4 Risposte

  1. Hell ha detto:

    L’episodio citato si riferisce a un utente internet chiamato Angra, che inviò il manoscritto spacciandosi per una diciassettene cieca dalla nascita e con altre disgrazie. Poi una volta in vista di un incontro ufficiale con l’agente letterario, svelò di essere, se non sbaglio, un professionista quarantenne in salute e tutto l’interesse per il “bellissimo manoscritto” svanì, come l’immagine della ragazza diciassettenne.

    Ma è stato fatto anche di peggio, per smascherare il criterio di pubblicazione di molte illustri case editrici. Un altro internauta sostituì il proprio nome a una raccolta di racconti di Bukowski.
    E naturalmente Bukowski fu bocciato dai nostri illuminati talent scout perché “troppo maschilista”, “troppo falso”, perché aveva “uno stile troppo acerbo e poco scorrevole”. Tutto vero e confermato, con le scansioni delle mail di risposta degli editori. Mi rincresce di non potervi fornire il link.

    Questo per ribadire, se ce ne fosse bisogno, che i professionisti sono interessati a un certo tipo di scrittore, e non sono affatto infallibili come dicono di essere.

  2. Ariano Geta ha detto:

    Secondo me sì. Tempo fa un uomo mandò il suo manoscritto a una casa editrice spacciandosi per una ragazza cieca dalla nascita che aveva dettato il romanzo a un amico. Lo chiamarono perché il manoscritto “era interessante”. Quando ha rivelato di non essere né ragazza né cieca, di colpo il manoscritto è diventato assai meno interessante… (l’episodio è stato riportato da varie fonti su interneti, dovrebbe essere autentico).

  3. Nick Parisi. ha detto:

    Oh Cielo….non so cosa dire…
    Comunque ritengo che un programma come Masterpiece sia totalmente inutile.

  4. angie ha detto:

    Santo cielo, complimenti, una storia terribile, in fondo, tutti noi nascondiamo con cura i nostri traumi, le nostre vicissitudini, invece vi sono persone che per catturare l’attenzione aggiungono pezzi di vita che non sono suoi, li catturano e li fanno propri, il problema? che nonostante le lacrime verseranno per quella persona, dopo un secondo lei sarà dimenticata. La gente ha la memoria corta e dopo aver pianto, qualcuno vuole ridere e immedesimarsi in altre storie magari a lieto fine, e vissero felici contenti e ricchi.
    Amica mia, e poi ci sarà sempre qualcuno che ha una storia ancora più triste da raccontare…..
    Hai perfettamente espresso il tuo pensiero e sono d’accordo con te..
    Un abbraccio Angie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Show Buttons
Hide Buttons