Torniamo a parlare del Cecil Hotel e della sua “vittima”