Sonia Kaliensky, la bella addormentata di Venezia

2 Risposte

  1. Nick Parisi ha detto:

    Tra parentesi mi sembra di aver visto, in un documentario francese, che esiste una associazione veneziana che all’interno di alcuni spazi a San Michele ci coltiva la vite, da cui poi ottiene un vinello rarissimo e molto particolare.
    Secondo alcuni membri di quel’ associazione, il gusto particolare del vino dipende dalle ossa nel terreno.
    Macabro, vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Show Buttons
Hide Buttons