Torniamo, come avevo promesso, a parlare dei “segnali della morte“,