Zugun

Eleonore Zugun, poltergeist o possessione demoniaca?

Nel 1926 l’Europa conobbe il caso di Eleonore Zugun, figlia di una coppia di contadini romeni, che improvvisamente si trovò afflitta da stimmate, e sulla quale iniziò a circolare, insistentemente, una voce, secondo la quale Eleonore sarebbe stata addirittura posseduta dal diavolo.

Eleonore Zugun nacque il 24 maggio 1913 a Talpa, piccola cittadina nel sud della Romania. Eleonore cominciò a mostrare segni di possessione demoniaca nei suoi anni della pubertà, non appena compiuti i 13 anni. Avrebbe iniziato a sollevarsi in aria, a spostarsi rapidamente (troppo) attraverso una stanza, a lanciare oggetti in aria… inizialmente la famiglia credette che questi fenomeni fossero dovuti a fenomeni soprannaturali della bambina, a qualcosa di simile a telecinesi (ma che per loro, analfabeti, era solo un potere divino di cui la figlia era dotata).
Quando poi sul corpo di Eleonore iniziarono ad apparire graffi e strani segni su tutto il corpo, la famiglia pensò che fosse eleonore ad autoinfliggerseli, salvo poi cambiare idea quando, una sera a cena, sulle mani della ragazzina comparvero delle macchie rossastre che diventavano sempre più grandi e iniziarono a gocciolare sangue.
Fu in questo momento che la madre della ragazzina si spaventò e chiese l’aiuto al sacerdote della comunità.

Leggi di più a proposito di Eleonore Zugun, poltergeist o possessione demoniaca?

La vera storia della Madonna della Salute

Quanti post ho scritto su Venezia e i suoi misteri? Talmente tanti che non li conto nemmeno più!
Il fatto è che Venezia è una città così affascinante e così piena di misteri e segreti che spesso mi viene da prendere il treno e andarla a visitare, girovagando quasi senza meta per le sue calli e i suoi campielli, lasciandomi guidare solo del mio “sesto senso” che mi porta ad addentrarmi in luoghi stupendi e densi di magia.

Camminando per Venezia, dal centro esatto del Ponte dell’Accademia si riesce a spingere lo sguardo fino ad ammirare la cupola della chiesa della Madonna della Salute, che è situata nella Punta della Dogana, di fronte al bacino di San Marco.

La storia della basilica è nota: fu edificata come ex voto dai veneziani che erano stati decimati dalla peste che tra il 1630 e il 1631 colpì Venezia
Per una descrizione completa della sua storia vi rimando al link di Wikipedia. A noi basta sapere che questo meraviglioso capolavoro dell’architettura barocca veneziana venne edificato su progetto di Baldassarre Longhena (1631-81), scelto dal Senato tra gli undici presentati, come ringraziamento alla Madonna per la liberazione della città dalla peste del 1630. All’interno conserva importanti opere di Tiziano e Tintoretto.

Secondo la leggenda, per fare spazio alla nuova chiesa si scelse di demolire un soppresso complesso religioso (la Chiesa della Santissima Trinità con convento e scuola) adiacente alla dogana di Venezia. Si dice anche che sul luogo in cui è stata eretta la basilica si trovasse un cimitero, nel quale erano sepolti molti veneziani che erano morti di peste, ed è proprio alla costruzione della chiesa della Salute che è legata una curiosa ghost story veneziana.

Leggi di più a proposito di La vera storia della Madonna della Salute

Strani fenomeni a Venezia: il poltergeist di Campo San Boldo

Giusto ieri raccontavo il mistero del Palazzo del Cammello, e spiegavo che una possibile spiegazione per il fenomenno verificatosi poteva trovarsi nel cosiddetto poltergeist, cioè una manifestazione rumorosa di qualche spirito, o fantasma che dir si voglia.

La letteratura in materia abbonda, siti internet dedicati al caso fioriscono continuamente, la filmografia è vasta e su youtube si sprecano video che riprodurrebbero (il condizionale è d’obbligo) l’evento.

Nel post spiegavo anche che Venezia non è nuova a fenomeni di questo tipo, e la storia odierna ci porta proprio a descrivere uno di questi avvenimenti.

Leggi di più a proposito di Strani fenomeni a Venezia: il poltergeist di Campo San Boldo

error: A questo blog non piace il copia-incolla!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: