Oggetti maledetti: il vaso di Basano

Basano
Il vaso di Basano

Avevo già scritto un post sugli oggetti più infestati al mondo, ma ho continuato a parlarne, riferendo di molti altri oggetti infestati o maledetti, tra libri, quadri, automobili, sottomarini e molto altro… Oggi parliamo di un oggetto infestato made in Italy…Eccovi la storia del vaso di Basano.

Realizzato nella seconda metà del XV secolo, interamente in argento, doveva essere forse il dono nuziale per qualche damigella rinascimentale, almeno stando alla fattura del vaso e ad alcune decorazioni che erano incise sul vaso. La leggenda narra che la donna che ricevette quel vaso venne assassinata durante la prima notte di nozze, e venne ritrovata, moribonda, mentre stringeva al petto il manufatto. prima di morire, la donna giurò che si sarebbe in qualche modo vendicata del suo assassino…

In seguito il vaso passò di mano in mano, di eredità in eredità, e tutti coloro che ne entrarono in possesso morirono in circostanze misteriose…qualcosa di simile a Ca’ dario, il palazzo maledetto veneziano? Forse. Fatto sta che, per fermare tutte queste morti, il vaso venne preso e sepolto da qualche parte, in modo che nessuno potesse

Nel 1988 un contadino stava arando il suo campo quando vide spuntare qualcosa di luccicante dal terreno smosso, e lo sollevò. Si trovò così davanti uno splendido vaso d’argento. Lo portò a casa, dalla moglie, e questa lo ripulì dalla terra che lo incrostava e lo riempiva…e dentro il vaso trovò un biglietto:

questo vaso porta la morte

Noncurante del biglietto, l’uomo decise di venderlo: lo mise all’asta, dove se lo aggiudicò un farmacista per la modica cifra di 3milioni di lire. Tre soli mesi più tardi, però, il farmacista morì in un incidente d’auto. La famiglia allora decise di disfarsene e un chirurgo che non credeva affatto alla maledizione decise di comprarlo… e la maledizione tornò a colpire, poichè anche il chirurgo passò a miglior vita.

Fu così che il vaso di Basano passò di mano in mano, uccidendo tutti quelli che l’avevano comprato…

Alla fine, l’ultima famiglia che lo possedette, esasperata dalla maledizione del Vaso di Basano, decise di affidarlo alla polizia, e il vaso venne nuovamente sepolto, in località sconosciuta, e davvero si spera non venga mai più ritrovato.

Tuttavia, è davvero molto strano trovare riferimenti precisi sulla storia del vaso, in quanto la cronaca del tempo non riporta alcunchè…solo un’altra leggenda? probabile.

 

Print Friendly

Autore dell'articolo: Donata Ginevra

Perchè dovrei scrivere informazioni su di me, quando per questo è stata creata la pagina ABOUT ME?

Rispondi