Donald Trump e i fantasmi della Casa Bianca

By | 9 novembre 2016

Republican presidential candidate Donald Trump speaks to supporters as he takes the stage for a campaign event in Dallas, Monday, Sept. 14, 2015. (AP Photo/LM Otero)Ci siamo, il 45° Presidente degli Stati Uniti d’America è Donald Trump, miliardario con improbabili capelli biondi che ha sconfitto largamente l’altra candidata, Hillary Clinton, colei che ha sopportato con forza i tanti tradimenti del marito, una vera lady di ferro… che però a quanto pare non era abbastanza da conquistare il popolo a stelle e strisce. L’America, dopo il primo presidente nero, non era pronta per il primo presidente donna, e questo a dice lunga.

Non entro nel merito di questo risultato… l’Europa ne vedrà delle belle, Trump era sicuramente il male peggiore tra i due candidati, e mi fermo qua.

Gli auguro solo di riuscire a fronteggiare i tanti fantasmi che affliggono la popolazione, tra disoccupazione, inquinamento, povertà, guerre interne, cambiamenti difficili da fronteggiare…e poi dovrà vedersela con i fantasmi della Casa Bianca.

Sì, perchè la white house è uno dei luoghi più infestati al mondo.

I fantasmi della Casa Bianca

abraham-lincolnIn occasione di vari incontri pubblici, la first lady uscente Michelle Obama parlava di strani rumori che lei e il marito erano soliti udire, di notte, nei corridoi che portano alla loro camera da letto. In verità di fantasmi alla Casa Bianca si è sempre parlato, e il record delle apparizioni è detenuto, pensate, da un presidente emerito: Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli USA, che venne avvistato per la prima volta negli anni venti da Grace Coolidge, moglie di Calvin, a sua volta presidente. Lincoln sarebbe stato visto in molte occasioni nello Studio Ovale, affacciato a una finestra che dava su un campo di battaglia della guerra civile. Ma Lincoln apparirebbe anche nella sua antica camera da letto, e quando la regina Guglielmina d’Olanda vi dormì, in occasione di una visita di stato, dichiarò di essere stata destata in piena notte da qualcuno che bussava alla porta, e di essersi trovata davanti lo spettro di Lincoln.

Anni dopo anche il primo ministro inglese Winston Churchill disse di aver incontrato il fantasma di Lincoln mentre stava seduto nella sua poltrona preferita davanti al camino, e lo stesso capitò a Maureen, figlia del presidente Reagan, disturbata più volte dalla presenza del fantasma del presidente. Tutti i testimoni sono concordi su una cosa: non appena appariva Lincoln, la temperatura del locale si abbassava di parecchi gradi. Lincoln poi viene spesso avvistato anche nella Sala Est, quella che a suo tempo venne scelta per esporre al pubblico il suo cadavere dopo l’omicidio. In questa stessa stanza si può incontrare anche Abigail Adams, moglie del presidente John Adams (il successore di Lincoln).

hungry-history-cooking-for-the-commander-in-chief-20th-century-white-house-chefs-istock_000004638435medium-eLegato a Lincoln è lo spettro di Anne Surratt che ogni anno, quando si avvicina l’anniversario dell’impiccagione di sua madre (avvenuta a luglio 1865: la donna venne condannata a morte per aver preso parte all’attentato che costò la vita al presidente), inizia a bussare a tutte le porte.

Altro fantasma che “torna sul luogo del delitto” è Andrew Jackson, eletto nel 1828: la sua presenza è quella più longeva: si manifesta fin dal 1864, con urla e imprecazioni, sbattendo le finestre e camminando rumorosamente, esattamente com’era solito fare in vita.

Lo spirito che si fa sentire più di tutti, terrorizzando numerosi presidenti, è quello di David Burns. Il suo nome forse ai più non dirà molto, ma sappiate che è l’unico dei 18 proprietari del terreno su cui sorge la Casa Bianca che a suo tempo si oppose all’esproprio del terreno stesso. Burns urla da secoli nella soffitta, e accompagna i suoi insulti con tonfi e spostamento di mobili.

C’è poi il fantasma di un soldato inglese che aveva cercato di incendiare il baldacchino nella stanza da letto in cui era stata ospitata una coppia di inglesi ospiti di Obama: il fantasma del soldato apparterrebbe al militare britannico che durante la guerra del 1812 aveva tentato di dar fuoco alla Casa Bianca… ed è lo stesso soldato che viene ancora oggi avvistato, armato di una torcia, all’ingresso dell’edificio.

giardino-delle-roseNon solo spiriti rumorosi, però: da circa duecento anni il famoso Giardino delle Rose (a destra) viene protetto dalla Dolley Madison, la first lady che lo lo volle e ideò: ogni volta che qualche Presidente del passato ha cercato di disfarsi del giardino per costruirci sopra qualcosa, Dolley è apparsa, con tutta la sua forza, minacciando di vendicarsi se anche solo avessero osato toccare un cespuglio dei suoi amati fiori (quindi Melania Trump, sei avvisata di non voler costruire gazebi nel Giardino delle Rose)…

Le apparizioni più terrificanti sono però quelle del demone, simile a un gatto, che si aggira nella cantina della Casa Bianca. Molti giurano di averlo visto, e sottolineano come la sua comparsa sia sempre legata a momenti di grave difficoltà per la Nazione: apparve in occasione del crollo della Borsa nel 1929, dell’assassinio di John Kennedy e quando calamità naturali come terremoti e uragani sconvolsero la Nazione…

e pare che sia apparso anche la scorsa notte, mentre era in corso la votazione per eleggere il 45° presidente degli Stati Uniti…

Print Friendly

Rispondi