Peaches “Honeyblossom” Geldof: fotografare un fantasma

By | 21 dicembre 2015

https://madseverington.files.wordpress.com/2014/11/img_1741.jpg?w=1000&resize=176%2C176

Peaches “Honeyblossom” Geldof

Peaches. Non so se abbiate mai sentito parlare di lei.

Si tratta(va) di una modella inglese, di soli 23 anni, che aveva un bambino, Astala.

Peaches era la figlia dell’organizzatore Live Aid Bob Geldof… ma non per la sua parentela era famosa…

Perchè parlo al passato? perchè Peaches è morta.

Non prima, però, di aver immortalato, con un selfie, un fantasma.

Peaches, infatti, stava facendo il bagno con il bambino, quando decise, prassi pittosto comune ultimamente, di concedersi un selfie con il figlio in braccio, lì nella vasca da bagno.

Scattò, e postò l’immagine sul suo profilo Instagram.ghost_hand

Una foto del tutto normale, parrebbe…. Subito dopo, pubblicò queste parole:

peaches_geldof

(Una foto da vicino della misteriosa mano fantasma nella foto che ho fatto a me e Astala nel bagno!! E no che non è la mia mano – una delle mie mani era intorno alla vita per trattenerlo durante la foto, l’altra teneva la fotocamera per scattare la foto. Però la mano è intorno alle spalle in un modo totalmente strano se l’avessi fatta io!! Che terrificante !! Mi sto cagando addosso! #ghost #haunted

A chi appartiene la mano? Il Daily Mail ha scoperto che la casa è stata costruita nel 1920 da un uomo molto ricco, e fu abitata da lui e dalla moglie incinta. Tuttavia, il bambino nacque morto, e la donna, impazzita dal dolore, impazzì. A quanto pare si è annegata nella vasca da bagno.

A chi appartiene allora quella mano? forse, davvero alla vecchia proprietaria dlela casa…

Ma Peaches non potrà rivelarlo: il 7 aprile 2014, la ragazza venne ritrovata morta, uccisa da un’overdose di eroina.

Print Friendly

4 thoughts on “Peaches “Honeyblossom” Geldof: fotografare un fantasma

  1. theobsidianmirror

    Tutte queste immagine sono molto belle e talvolta mettono davvero i brividi. Il fatto che in questa immagine ci sia una “celebrity” però mi lascia molto perplesso sulla sua veridicità…

    Reply
    1. Donata Ginevra Post author

      sì, credo anche io…una trovata pubblicitaria forse, o un modo per attirare follower… ma nessuno potrà mai dirci la verità, purtroppo!

      Reply

Rispondi