Copyright e licenze Creative Commons: cosa sono?

Oggi, primo luglio, Pensierospensierato decide di mettere le cose in chiaro una volta per tutte…

Forse vi sembrerà una mossa di una che se la tira all’infinito, però vi voglio spiegare alcune cose.

screenshot.889Su consiglio di alcuni amici, sto iniziando a preparare un ebook che conterrà tutte, ma proprio tutte, le storie di fantasmi che ho narrato qui sul blog nella sezione dedicata ai primati di fantasmi, quella che mi sta dando maggiori soddisfazioni. Vi assicuro che è un lavoro lungo, perchè non si tratta solo di raccogliere i testi, metterli assieme, farci una bella grafica con Indesign e gettarlo nella mischia di Youcanprint, Lampidistampa o Amazon.

Si tratta di prendere tutti quei testi, rivederli, ampiarli il più possibile per fare una cosetta simpatica. Nelle mie intenzioni, dovrebbe arrivare a qualcosa del tipo 365 racconti per non dormirci la notte, o roba del genere. Insomma la strada è lunga ma ce la faremo.

Quel che ho notato, però, è che dovunque io vada, trovo miei pezzi scopiazzati e spammati in forum, blog altrui, pagine facebook…nel 90% dei casi queste “citazioni” non hanno nemmeno l’ombra di attribuzione, e la cosa francamente mi urta e non poco.

Se fosse ancora vivo, Mathias direbbe: non ti lamentare sempre, sei una celebrità in questo campo ormai, è ovvio che la gente ti copia, perchè scrivi bene e scrivi di cose interessanti. Sì, ma mi urta lo stesso, perchè chi fa blogging sa quanto lavoro ci sia dietro a ogni post, specie se è scritto col cuore e non col cu**.

E così, vedere i miei post copiati ovunque, e addirittura fatti passare per propri, beh proprio non mi sta bene.

Non è la prima volta che accade. Ne avevo parlato in diversi post qui sul blog, avevo raccontato (qui) di come avessi trovato miei post ripresi parola per parola in altri blog, ed è questo che io proprio non tollero.

Capisco quando uno cerca qualcosa e poi lo modifica…in quel caso non si può parlare di plagio, specie se il pezzo che tu stessa riproponi è stato citato altrove…ma caxxo, quando mi trovo interi brani ricopiati pari pari e schiaffati nella rete, senza uno straccio di attribuzione, allora lì m’incaxxo e di brutto, perchè non si parla più di ispirazione, ma di copia bella e buona, e qui non ci sto più.

La cosa più “simpatica” è che quando te le accorgi e lo fai notare al blogger di turno, questo fa lo gnorri e ti dice che no, non sa come sia stato possibile, che lui non ha affatto copiato da te, che ti stai sbagliando. Insomma, questo prendere per i fondelli invece di ammettere che sì è vero, ho copiato, scusa, segnalo la fonte e morta là, no questo non lo accetto.

Ho bisogno di togliermi qualche sasso dalla scarpa, e credo che diverranno grandi come macigni, ma non mi importa.

Giusto un mese fa il mio sistema per il controllo dei contenuti replicati mi segnala che c’è un intero articolo che è apparso su un sito di un gruppo di ricerca sui fenomeni paranormali che, tra l’altro, seguo (e che dopo questo giochetto seguirò molto più attentamente).

prova1Controllo, e cosa scopro? Che uno dei miei post che sta avendo più visite, quello sul Langham hotel, è stato tagliuzzato e dato in pasto alla blogosfera senza ovviamente alcuna attribuzione.

Negli screenshot che ho postato qui a fianco (nel quale ho cancellato appositamente il nome del sito, giusto per non fare pubblicità!) vedete solo un paio delle frasi scopiazzate, ma ho scattato istantanee per ogni altro paragrafo, e alla fine il risultato è stato chiaro: post copiato!

La cosa più “simpatica” è che ho prontamente segnalato la questione alla webmaster del sito, e in seguito c’è stato uno scambio di messaggi in cui io ribadivo la mia posizione, e lei diceva che non riusciva a capire come potesse essere possibile che tutto il testo fosse stato riprodotto uguale, che oltre a me avevano usato altre fonti per comporre l’articolo (e perchè non segnalarle allora?), che loro non avevano copiato nulla e che poteva succedere che potesse esserci uno stesso argomento in diversi blog, visto che la storia era famosa.

prova3A questo punto mi sono chiesta se fossi rinco io o se la gente si diverte a prendere per i fondelli gli altri. Ok…passi la somiglianza tra post…passi l’argomento simile…ma quante probabilità ci sono che il 100% del testo presente in quel blog fosse uguale ad alcuni paragrafi del testo presente nel mio?

In poche parole, siccome il mio articolo era troppo lungo per il loro target, che prevede articoli brevi o brevissimi, hanno pensato bene di prendere qualche paragrafo del mio testo e incollarli assieme. Facile, no?

E alle mie rimostranze, han fatto gli gnorri. Per fortuna la ragionevolezza ha prevalso (o forse la paura di una qualche azione legale) e alla fine è comparsa correttamente la fonte in calce al loro articolo…ma ovviamente, sono scomparsi tutti i commenti di rimostranza che avevo fatto e le relative risposte…commenti di cui ho comunque fatto screenshot (mica son scema!). Come a dire: ok, facciamo ciò che vuoi, basta che non rompi più e lascia che mettiamo sotto la sabbia tutte le prove. Contenti loro….

Ma la cosa più “simpatica” è la noticina che campeggia nel loro sito

prova4

Cioè….avete letto bene?? I contenuti del sito *** sono tutti ORIGINALI (anche quelli copiati da me?) e prodotti dalla redazione interna (HO DEI DUBBI…), dove non sia esplicitamente indicato diversamente (E DOVE LO SEGNALANO? IO NON HO VISTO POSTILLE) e sono da considerarsi di esclusiva proprietà di ***… e qua francamente mi son cascati quelli di cui la Natura non mi ha dotata.

Ieri, altra bella sorpresa.

 

Un nuovo post, quello sulle dieci isole infestate. E il paragrafo relativo all’Isla de la munchas, copiato ben bene in un altro blog, anche stavolta senza nessuna attribuzione.

Volete le prove?

ecco lo screenshot del mio articolo (basta cliccarci sopra e si apre dicentando più leggibile)

screenshot.879

ed ecco quello apparso sull’altro blog (di cui copro il nome, non fosse altro perchè mica c’ho voglia di far pubblicità a sta gente!). Pure la stessa foto hanno messo…beh non c’è che dire, grande fantasia!!

prova2

 

E poi, come se non bastasse, navigo sulla loro pagina facebook e becco altri 3 miei articoli che questo gruppo ha preso e divulgato sul loro sito, ovviamente senza alcuna fonte.

Il primo è questo, sulla statua di Bartolomeo Colleoni a Venezia.

screenshot.902

prova9
Questo che vedete qui a fianco è la parte iniziale del post, che riprende, manco a farlo apposta, perfino la foto che usai nel mio articolo.

 

 

 

 

 

 

 

prova9.1Vedete ora il testo… riproduce esattamente il mio articolo, vecchio di due anni, che trovate al questo link. Anche in questo caso, nessuna attribuzione, eppure il testo è identico a quello scritto da me.

 

 

 

 

 


screenshot.900Insomma, secondo articolo copiato.

Ho chiesto, come vedete qui a fianco, la citazione della fonte, ma non ho avuto risposta… Può succedere, immagino…

 

 

 

 

 

Poi arriviamo a quello su Casa Carmeli

prova10Curioso, per un gruppo di ricerca di fenomeni paranormali che ha sede a Roma, interessarsi di una casa presente in Veneto, a Padova per la precisione… ma tutto il mondo è paese.

La cosa strana è che anche in questo caso…eccola lì, stessa foto usata da me nel mio articolo… Pure qua chiedo di segnalare la fonte ma non ottengo risposta. Allora, screenshotto la foto e la posto qua.

 

 

Ma il bello, o il brutto a seconda di come la volete vedere, arriva dopo, con uno dei miei più recenti articoli, quello sul Trans Alegheny Lunatic Asylum.

Un post che ho scritto il 13 giugno, un post speciale, perchè scritto lo stesso giorno della festa di Sant’Antonio… era con questo che volevo toccare il muro del milione di visite… l’ho raggiunto qualche giorno dopo, ma non fa nulla.

E qua, credo che le immagini possano spiegare meglio di molte altre parole.

 

prova5

Stessa foto usata nel mio pezzo…

prova6

Ospedale più infestato al mondo? uhm…ricorda molto il mio pezzo…..e le mie ricerche…

prova8

chiedo per cortesia di segnalare la fonte…

logicamente nessuna risposta, ma…

prova7
Cioè…questa Morgana ha firmato il pezzo come se fosse suo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 

Allora, non voglio fare la maestrina, però siccome come detto non è la prima volta che questo succede, e dopo un po’ scusate la pazienza ha un limite, d’ora in avanti non si tollererà più alcun copiancollaggio del materiale del blog.

Ricordo, per chi non lo sapesse, che questo blog ha una licenza che lo regola, non c’è un copyright nel senso stretto del termine, di quelli che affermano “riproduzione riservata, ogni violazione sarà perseguita a norma di legge, verranno tagliate le mani che hanno premuto ctrl+c e ctrl+v e verranno cavati gli occhi che hanno individuato il pezzo”.

Si tratta semplicemente di una richiesta.

Licenza Creative Commons
[warning]Pensierospensierato di Ladyghost è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.pensierospensierato.net.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso www.pensierospensierato.net.[/warning]

 

copia pure il mio pezzo, a patto che

1) tu dica che è mio e lo segnali con il link al mio blog;

2) tu non lo modifichi: se lo modifichi la licenza decade;

3) non usi il tuo materiale (che poi sarebbe il mio) per fini commerciali.

 

Tutto chiaro? NO? allora datti una bella ripassata a cosa prevedono le licenze Creative Commons o leggi la pagina di wikipedia.

Queste licenze non sono acqua fresca, hanno un valore legale, e sia nel caso del primo gruppo che nel secondo sono state infrante. Nel primo perchè il pezzo è stato modificato, e la licenza lo vieta, nel secondo…beh non serve spiegarlo!

 

Non c’è nulla di così difficile, vero?

Cioè, io sono contenta quando i miei pezzi vengono presi e divulgati, significa che ciò che ho scritto è ritenuto interessante (se scrivessi cosa poco interessanti non lo farebbero, giusto?) però scusate, quando si esagera, si esagera.

 

Vorrei, dopo questo post, non essere più costretta a smascherare pubblicamente comportamenti poco corretti dei “colleghi”…insomma, collaboriamo, non facciamoci la guerra inutilmente!

 

 

AGGIORNAMENTO 3 LUGLIO 2014

Qualcosa, forse, ho ottenuto. Due post su quattro sono stati rimossi, restano ancora online quello sulla maledizione del manicomio infestato e sull’Isla de las Munecas.

Ho però visto che, nonostante le mie rimostranze, la gente continua a non voler capire, adducendo scuse sulle quali ogni commento è superfluo… così, onde evitare di prendermi un’arrabbiatura al giorno, ho deciso, su suggerimento di un amico, di disabilitare la possibilità del copiaincolla. D’ora in avanti, il tasto destro del vostro mouse non funzionerà più… spiacente, ma…a mali estremi, estremi rimedi!

Print Friendly

Autore dell'articolo: Donata Ginevra

Perchè dovrei scrivere informazioni su di me, quando per questo è stata creata la pagina ABOUT ME?

7 thoughts on “Copyright e licenze Creative Commons: cosa sono?

    Angie

    (4 luglio 2014 - 20:42)

    Beh questa ultima soluzione mi pare la più giusta, chi vorrà copiare dovrà andare altrove. Nei tuoi panni mi sarei incavolata pure io, in effetti è evidente che il tuo lavoro non è un lavoro da poco.
    Ma poi che ci vuole a mettere la fonte? Due secondi e sei a posto.

    Un abbraccio

      Donata Ginevra

      (5 luglio 2014 - 6:27)

      sai cosa più mi dà fastidio? che quando lo fai notare al copiatore di turno, questo continua a dire che ha ragione lui…soprattutto se è giovane e crede che il mondo sia ai suoi piedi…che diamine……..

    Nick Parisi

    (1 luglio 2014 - 11:44)

    Ciao, comprendo la tua incavolatura, direi che hai fatto bene a mettere i puntini sulle i. Io finora sono stato fortunato, le volte che ho trovato un mio post linkato su altri forum o blog ho sempre trovato il link e l’attribuzione esatta. Può essere comunque che esistano casi che non conosca….mi hai messo una pulce nell’orecchio.

      Donata Ginevra

      (1 luglio 2014 - 15:00)

      fossi in te controllerei ttentamente ogni post che scrivi zio nick, perchè fanno gola a molti, e sulla buona fede, purtroppo, come vedi non si campa, anzi!

    Federica

    (1 luglio 2014 - 9:55)

    Fossi in te li denuncerei! Cioè per Fb puoi chiedere la rimozione del post segnalandolo direttamente a Fb, per il sito fai la segnalazione a Google e chiedi che rimuovano.
    Beh anche se hai coperto i nomi, si capisce chi sono, hesperya e ASP. e in fatti vedendo sui loro siti e facendo la ricerca con i paragrafi come hai fatto tu, è vero che copiano da un sacco di altri siti. Che buffoni!

      Donata Ginevra

      (1 luglio 2014 - 15:00)

      Bah, una denuncia non serve poi a molto con certa gente…mi sono limitata a scrivere questo post, e ora attendo qualche giorno…se non vedo ammissioni o scuse, segnalo a chi di dovere, è il minimo. E cmq sì, hai ragione, non hanno fatto lo stesso giochetto con me purtroppo, anche con altra gente, e ho provveduto a segnalare la cosa anche ai webmaster di questi siti…più si è, più possibilità ci sono di far chiudere certi siti!

Rispondi