3_Arcani maggiori: l’Imperatrice

By | 2 luglio 2013

Seconda figura “istituzionale” femminile nei tarocchi.

L’Imperatrice,  proprio come la Papessa vista precedentemente, è seduta sul trono, ha la testa cinta dalla corona e guarda davanti a sè, ma a differenza dello sguardo sereno che traspariva dalla Papessa, l’Imperatrice sembra scrutare il suo osservatore con un’aria vigile, ferma, attenta, impassibile.

Però l’Imperatrice è il simbolo del potere temporale, è una donna autorevole e autoritaria, ferma nelle sue decisioni, attenta e risoluta.

Nei Tarocchi di Marsiglia e nei Rider Waite, l’Imperatrice tiene ben stretti i simboli del potere:

  • lo scudo con disegnato un paio d’ali (nei Rider Waite) o un uccello rapace (nei Marsigliesi, iconografia che poi si ritroverà anche nei Tarocchi dei Visconti),
  • e lo scettro del potere nell’altra mano.

Rappresenta abbondanza e intelligenza insieme. È anche implicito un forte senso pratico e non manca una grande ambizione, riscontrabile, soprattutto nei Tarocchi di Marsiglia, dal colore rosso della veste e dal giallo che si vede nello scettro e nell’aquila dipinta sullo scudo. Indica una donna intelligente, volonterosa, astuta e caparbia, che, con le sue grandi capacità e la sua volontà, è in grado di dare vita a tutte le cose. Le ali dell’aquila sullo scudo sono in certo modo richiamate dalla parte posteriore del trono nel quale l’Imperatrice siede, ma questo si nota solo nei Tarocchi di Marsiglia, perchè nei Rider Waite l’iconografia cambia leggermente.

Questi Tarocchi infatti presentano sempre questa donna seduta sul trono, con lo scudo alato in mano e lo scettro nell’altra, e una corona in testa, ma se osserviamo meglio la corona, vediamo che la corona è composta da 12 stelle, e in qualche modo questo sembra riferirsi a un’antica concezione per cui la terza carta degli Arcani Maggiori fosse la rappresentazione della Vergine Maria.

Pare strano, vero? Un simbolo religioso in un mazzo di carte che molti definiscono diabolico o quanto meno da condannare, secondo la dottrina cristiana. Eppure, e lo vedremo in seguito, moltissime carte dei Tarocchi contengono riferimenti alla religione, non solo per la presenza del Papa o del Diavolo, per per altre sottili simbolismi inseriti all’interno degli Arcani. Ma andiamo con ordine.
Le 12 stelle sul capo dell’Imperatrice sembrano quasi riferirsi al passo dell’Apocalisse che recita:

«Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle. Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto» (Ap. 12, 1-2).

Le spighe di grano che ondeggiano sullo sfondo sembrano quasi riferirsi alla materia prima con cui si produce il pane, e qui è chiaro il riferimento al pane di evangelica memoria…ma c’è di più.

Tarocchi medievali di Scapini: l’Imperatrice

Se si osserva l’abito dell’Imperatrice, si vede come il tema dominante sia il simbolo astronomico di Venere, ripetuto più e più volte…perchè l’Imperatrice è la Grande Dea Madre, la Madre Terra ovvero la natura, la femminilità, la vita che nasce, è il simbolo della fecondità universale, ma anche la governatrice del mondo sotterraneo (il seme che cresce dalle profondità della Terra e nell’oscurità).

Anche nei Tarocchi dei Visconti è presente la medesima simbologia, la corona in testa e lo scudo con l’aquila, ma questa volta manca lo scettro e non si vede il trono dietro la figura, così come non si vedono le ali e la luna sotto i piedi, cosa che invece compariranno nei mazzi di Tarocchi più tardi, come ad esempio nei Tarocchi di Scapini di cui vedete una splendida raffigurazione qui a destra.

Questo perchè i Tarocchi dei Visconti, come già detto, non sono pregni di simbolismo come gli altri. Qui il significato della carta è esattamente quello che vuole apparire.

L’Imperatrice qui è l’Imperatrice.

Il manto riccamente decorato riproduce invece varie decorazioni, che sono tutte riconducibili alla nobile famiglia dei Visconti: tre anelli intrecciati con punta di diamante, foglie di alloro, rami di palma che escono da una corona.
Si tratta in definitiva di una carta nobile, attenta, femminile, estremamente femminile…che dopo la fragile religiosità e il pudore espressi dalla Papessa, introduce alla femminilità, alla sessualità nobile e controllata, al potere femminile, alla carica rigeneratica e procreatrice.

Anticipando il senso del prossimo Arcano: l’Imperatore.

One thought on “3_Arcani maggiori: l’Imperatrice

  1. Marco Focaccia

    Ho trovato il tempo per leggerlo finalmente.. le ferie servono anche a questo..

    interessantissimo.. io sto ancora pensando su cosa parlare nel prossimo articolo..

    un abbraccio e continua così sempre^_^

    Reply

Rispondi