La giornata del post banale

L’avevo letto nel regno di Helldoom. Oggi 13 marzo, la giornata del post banale (GDPB). Cos’è? Nasce da un’ideuzza di Davide Mana, la ghiotta occasione per i blogger per
a) infliggere ai propri lettori un po’ di banalità sfuse, idee trite e atteggiamenti stupidamente populisti, b) ottenere un picco nelle visite e abbondanti “Mi Piace”, retweet e condivisioni su Facebook.

In definitiva, scrivo quattro caz**te e prendo una vagonata di mipiace su Facebook, ricinguettii e soprattutto visite.

Il tutto senza praticamente muovere un dito, scrivendo qualcosa di assolutamente inutile che potrei benissimo fare a meno di scrivere…appunto potrei, ma siccome oggi è appunto la GDPB, mi ci butto anche io, scrivendo a getto.

Oggi è il 13 marzo, manca poco alla primavera, però fa ancora freddo e le mie piante carnivore hanno fatto il fiorellino, o almeno, una l’ha fatto, anzi due, le altre dormono ancora. Una è schiattata quest’inverno perchè forse non le ho dato abbastanza da bere, una si è seccata ma si sta riprendendo, una è secca ma si riprenderà, l’ho rinvasata chè il substrato (torba acida di sfagno + perlite) puzzava un po’ da marcio, e spero di rivederla verde e rigogliosa.

Per il resto, che dire? nulla, attendo di vedere quante mosche e zanzare mangeranno le mie adorate, e mi chiedo: perchè non esistono carnivore grandi abbastanza da fagocitare e far sparire tutte le 
merdacce

che mi circondano?

8 Comments on “La giornata del post banale”

Rispondi