Effetto anestesia?

Una storia, per chiudere Marzo nel migliore dei modi, e iniziare Aprile, mese della Rinascita…in tutti i sensi!

La prima volta che la vidi, eravamo sedute entrambe in sala d’attesa. Lei, anziana, accompagnata dalla figlia. Io, giovane, da sola. Le andai accanto, chiedendo di potermi sedere sulla sedia vuota vicino a lei, e lei fece cenno di sì con la testa, osservando attenta i miei movimenti, studiandomi.
Mi rivolse le tipiche domande che una persona di una certa età rivolge a una giovane quando ci si incontra in un posto come quello, in un ospedale.
“Tu perchè sei qui? Io sono qui per…”. Quattro chiacchiere, scambio di idee, speranze, timori. Avrebbe potuto benissimo esser mia nonna, mi ci affezionai subito. Le presi la mano quando lei iniziò a piangere, spiegandomi il motivo del suo ricovero, facendomi partecipe della sua sofferenza.
Mi rincuorò quando le parlai di me, della mia situazione, dell’operazione, disse “non temere che tutto andrà bene”.
Poi ci separammo, lei al suo piano, un nome che mi fa paura. Oncologia. Io al mio. 

Non la vidi più.

La sera chiesi all’infermiera dove poter trovare quella signora anziana che m’aveva parlato. Un numero di stanza, tre piani di differenza, salii per andarla a trovare, passai un paio d’ore con lei, diventate improvvisamente amiche. Io mi affeziono sempre alle persone, sono fatta così, che posso farci, è più forte di me!

Il mattino seguente, la data fatidica, qualcosa da fare, un primo tentativo andato male, una nuova tecnica da sperimentare, qualcosa di nuovo da fare, più profondo stavolta, necessità di dormire profondamente.

Un ago nel braccio, il torpore mi assale, le palpebre che si fanno pesanti….pesanti……pesanti…………..di piombo………………………….

“Hai visto? Te l’avevo detto che sarebbe andato tutto bene! Sei forte, sei coraggiosa, sei brava. C’è bisogno di te, hanno bisogno di te, una volta andata male non significa nulla, un tentativo mal riuscito non ha nessuna importanza, la prossima volta andrà meglio, non aver fretta che ciò che è a te destinato nessuno può portartelo via”.
“Cesira, tu qui? E come sei bella! Hai visto, tutto è andato bene anche per te! dai che torniamo a casa!”
“Sì, sono passata a salutarti, quelle rose rosse sono davvero belle, ma i tulipani bianchi sono meravigliosi, e il sentimento di chi li ha portati è ancora più forte e sincero, fossi in te ci penserei di più prima di fare passi falsi”.
“Ma che hai Cesira, sei così pallida…stai male? E mi sembri così lontana! Che succede? Credo sia l’effetto dell’anestesia ma non mi sento più le gambe……”.
“Stai ancora dormendo mia cara…stai ancora dormendo…e ora io devo andare. Sono contenta di averti conosciuta, un giorno ci rivedremo ne sono certa!”.

Una luce abbagliante, un rumore forte, un fischio stridulo nelle orecchie, che fastidio! Aiutatemi che non sento più nulla, mi sembra quasi di esser sospesa a mezz’aria, che sensazione strana!

Dov’è andata la signora Cesira? Perchè nessuno mi risponde? Mi sento così strana, pesante, intontita, un dolore atroce dentro di me, viene da dentro, un fuoco che mi arde le viscere, una sete assurda. Provo a muovere le gambe, una mano che mi stringe la mano, voci, risate, parlottamento…

Apro gli occhi e Ti vedo. Mi osservi con i tuoi occhi castani, i riccioli sulla fronte, ma non eri qui prima, cos’è successo, per quanto tempo sono stata addormentata?

Mi hai risvegliato tu con un bacio? Scuoti la testa, dici “ciao”, l’altro sbuffa, tocca le rose rosse, sono in fondo al comodino, davanti ci sono i tulipani bianchi. Dov’è Cesira?
Mi dicono di stare a letto, sono ancora debole…
2 giorni lì, come una principessa, servita in tutto e per tutto, ma la mia amica, voglio parlare con la mia amica…sono quasi tre giorni che non la vedo, da quando è venuta a trovarmi in stanza, subito dopo l’operazione.

Chiamo l’infermiera. Ora posso alzarmi, voglio andare da Cesira, tre piani non sono tanti, voglio vederla, sapere come sta.

“Oh mi spiace, la paziente di cui parli è morta 3 giorni fa. Se n’è andata nel sonno”.

Print Friendly, PDF & Email

Autore dell'articolo: Donata Ginevra

Perchè dovrei scrivere informazioni su di me, quando per questo è stata creata la pagina ABOUT ME?

17 thoughts on “Effetto anestesia?

    Artemisia1984

    (18 ottobre 2012 - 18:56)

    Che storia triste ma comunque molto bella 🙂

    Fra

    (5 maggio 2012 - 17:26)

    Che storia… queste cose mi colpiscono sempre moltissimo.
    A me è capitato tempo fa una cosa simile: ho sognato una persona che mi salutava affettuosamente (la mamma di un amico) e l’indomani ho saputo che era morta quella notte.

    Sibilla Fiordicorallo

    (4 aprile 2012 - 15:45)

    Che bella storia! Mi ha lasciata senza fiato!
    Complimenti! A presto..Sibilla

    TIM

    (2 aprile 2012 - 8:58)

    Non ho mai avuto un’esperienza come questa, ma dopo la morte dei miei genitori, a distanza di 2 anni l’uno dall’altra, per diversi mesi abbiamo sentito la presenza di qualcosa/qualcuno in casa e abbiamo messo un sonaglio fatto di fette di agata appeso alla porta della cucina. Non so se qualche volta abbia suonato, magari quando eravamo fuori, ma è tornato tutto alla normalità. Per ora.

      LadyGhost

      (4 aprile 2012 - 14:47)

      Accidenti, davvero curiosa la tua testimonianza! Questa delle fette di agata non l’avevo mai sentita, di solito dei sonagli di questo tipo, fatti per “scacciare” gli spiriti, si facevano di comune lamierino o addirittura di fogli d’argento…grazie della condivisione!

    occhio sulle espressioni

    (1 aprile 2012 - 23:29)

    :/ Inquietato, nonostante il bello.

      LadyGhost

      (4 aprile 2012 - 14:48)

      Grazie Luigi 😉

    angie

    (1 aprile 2012 - 12:37)

    Un’esperienza del genere è importantissima, e non rabbrividisco ma sono lieta che ti sia stato concesso farla…
    Lei ti ha voluto comunicare di essere ancora viva, dopo il passaggio, non credo sia un effetto anestesia, generalmente con essa c’è solo uno passaggio di buio e poi il ritorno.
    Hai fatto bene a scriverla qui, e rendere partecipi tutti quelli che lo vorranno.
    Ovviamente ognuno è libero di pensarla liberamente…
    Commovente ma bellissima, ci concede una speranza….quella che forse continueremo a vivere…non è cosa da poco.
    Un bacio
    Angie

      LadyGhost

      (4 aprile 2012 - 14:49)

      Grazie delle tue parole amica mia, sono cose strane che succedono, giorno dopo giorno, e l’ideale è riuscire a capire esattamente cosa si nasconde in esse…anche se non sempre è possibile!

    Mathias

    (1 aprile 2012 - 10:28)

    Mi fa realmente paura questo tuo scritto, non solo perchè so benissimo cosa ci sta dietro, ma sopratutto per il senso che ne deriva. Lascia un po’ così…

      LadyGhost

      (4 aprile 2012 - 14:51)

      Ciao pugliese! Eh lo so bene che sai i retroscena, e sono contenta che qualcosa ti sia arrivato…ti abbraccio forte forte amico mio, grazie della tua vicinanza, ti ricordo sempre con affetto e ti faccio un grandissimo in bocca al lupo per….quello che tu e io sappiamo! Coraggio, sei sempre nei miei pensieri, ti voglio bene

    gattonero

    (31 marzo 2012 - 23:39)

    Preferisco le leggende, le realtà le abbiamo sotto gli occhi ogni giorno e non sono mai realtà belle.
    Con le leggende, per tristi che siano, viene sempre, a consolazione, il pensiero che, in fondo, “potrebbero” essere solo fole, favole.
    In questo tuo racconto c’è un realismo che fa rabbrividire.
    E crea una commozione gelida, che i fantasmi se la sognano.
    Ciao, speriamo che aprile ti porti a racconti truci quanto vuoi ma fantasiosi. Questo non lo era.

      LadyGhost

      (4 aprile 2012 - 14:55)

      Grazie gattonero, in effetti era quello che volevo arrivasse da questo scritto, e a giudicare dai commenti ci sno riuscita 😉

    Nick

    (31 marzo 2012 - 22:54)

    No, indubbiamente non è solo l’effeto anestesia. Ma qualcosa di più bello e grande. 😉

      LadyGhost

      (4 aprile 2012 - 14:56)

      Grazie zietto 😉

    Melinda

    (31 marzo 2012 - 21:11)

    Gemellina mia!
    Mi sono commossa e allo stesso tempo mi sono venuti i brividi!
    Effetto anestesia, ma anche altro, ne sono sicura!
    Un super abbraccione :*

      LadyGhost

      (4 aprile 2012 - 14:57)

      grazie gemellina, ti abbraccio forte forte anche io!

Rispondi