Recordeve del povaro fornareto!

È una delle storie più conosciute di Venezia. Talmente nota che nel 1952 è stato girato un film con Doris Duranti, Mariella Lotti, Paolo Carlini e Renato Chiantoni.
Il suo nome non è famoso forse come quello di Giacomo Casanova, ma la sua figura, e la sua storia soprattutto, sono ben note a chi s’interessa di misteri, delitti irrisolti, giustizia sommaria.
Questo avvenimento è molto radicato nella mente dei veneziani, tanto da essere ricordato in tutti i Registri dei Giustiziati, anche se non se ne trovano tracce nei Criminali o Raspe (registri della Quarantia Criminale), né sui Diarii di Sanudo, il cronista che annotò nei suoi testi i principali avvenimenti della città.

Era un mattino di marzo del 1507, quando, alle prime luci dell’alba, all’angolo tra calle della Mandola e il Ponte degli Assassini, le luci fioche dei cesendoli, i lampioni, illuminavano un corpo steso a terra. 

Passava di là a quell’ora un giovane fornaio, (fornareto in dialetto veneto), che alcuni cronisti chiamano Pietro Faciol (da fagiolo), altri Pietro Tasca
Il giovane si stava recando in bottega, e scorto che ebbe il corpo, si avvicinò per vedere se l’uomo fosse ferito o ancora vivo. Quindi, colpito dalla bellezza del pugnale che giaceva insanguinato accanto al cadavere, lo raccolse da terra e lo mise in tasca. Con il pugnale dall’impugnatura d’argento ed il fodero ricoperto da pietre preziose incastonate, avrebbe sicuramente guadagnato un bel po’ di soldi, con i quali magari fare un bel regalo alla sua fidanzata, Annella, domestica nella vicina casa del conte Barbo o, come sostengono alcuni maliziosi cronisti, figlia illegittima del conte stesso.
Pietro, rialzandosi, scoprì di essersi imbrattato del sangue della vittima. In quel momento passavano per la via due gendarmi, che scorgendo Pietro accanto al cadavere di un uomo, insanguinato, e con un pugnale in mano, lo arrestarono subito e lo condussero a Palazzo Ducale per essere processato per direttissima, nonstante il giovane si dichiarasse innocente
Il morto fu presto identificato come il conte Alvise Guoro, o Alvise Valoer, come sostengono altri cronisti, cugino della contessa Barbo.
Per interessamento della fidanzata Annella intervenne lo stesso conte Barbo, sicuro dell’innocenza di Pietro, ma non potendo far nulla per liberare l’innocente dalla sua prigionia, nonostante fosse membro del Consigliodei Dieci e quindi avesse una certa influenza sul Doge e sulla stessa classe politica veneziana, decise di liberare Pietro seguendo vie meno “ordinarie”.

Pietro si trovava recluso nei “Pozzi” dei Piombi di Palazzo Ducale. Le prigioni sotterranee del Palazzo, collocate sotto al livello dell’acqua e perciò estremamente umide e malsane, destinate ai prigionieri di condizioni inferiori, rinchiusi in celle oscure ed anguste, prendevano l’inequivoco nome di Pozzi. Una leggenda narra che un tempo ai condannati a morte fosse concessa, come ultima possibilità di scampo, di tentare il giro della colonna. Infatti tuttora una delle colonne del Palazzo Ducale è leggermente più grande delle altre. Il tentativo consisteva nel girare intorno alla colonna, dalla parte esterna, senza scivolare, ma quasi nessuno riusciva a completare l’operazione. Al disotto del tetto del palazzo e delle sue coperture erano invece i Piombi, che devono il loro nome alla copertura del tetto: qui trovavano posto i prigionieri più particolari (Giacomo Casanova il più noto, e autore di una spettacolare evasione), nobili, ricchi, religiosi, che venivano relegati quindi in un ambiente che, per quanto duro, risultava meno malsano rispetto agli infernali Pozzi. Questi prigionieri potevano addirittura, a loro spese, provvedere a dotare le loro celle di piccoli sollievi, mobilia e di buon cibo. Tutte queste prigioni erano direttamente collegate ai tribunali presenti nel Palazzo. (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_Ducale_%28Venezia%29#Pozzi_e_Piombi).
Da queste prigioni il conte Barbo aveva deciso di far fuggire Pietro, con l’intenzione di nasconderlo nel Fondaco dei Tedeschi, zona tranquilla e isolata, da dove qualcuno avrebbe poi potuto prelevarlo per portarlo in salvo.
Putroppo però l’impresa non andò a buon fine, perché due gendaremi che facevano la ronda attorno al Palazzo Ducale si accorsero di strani movimenti, andarono a indagare e scoprirono il fuggiasco Pietro, che quindi fu nuovamente catturato e nuovamente rinchiso ai Piombi. La sua situaizone, ora, era molto più seria e preoccupante del previsto.
Sottoposto a tortura, gli fu estorta una falsa confessione e la condanna a morte fu inevitabile.
La mattina del 22 marzo 1507, così, allo spuntare del sole, il condannato fu portato tra le due colonne di Marco e Todaro in piazza San Marco, dove normalmente veniva allestito il patibolo per le esecuzioni capitali, e dopo il segnale dato come d’abitudine dal doge Loredan, la sua testa fu staccata dalla mannaia del boia.
La leggenda vuole che, prima di morire, il fornareto avesse pronunciato questa frase: «No pasarà un ano che de tuti quei che me ga condanà, no ghe sarà più nissun», cioè «Non passerà un anno che di tutti quelli che ni hanno condannato non ne resterà più nessuno».
Il doge ebbe appena il tempo di pronunciare la frase di rito «Giustizia è fatta!» che dalla folla si levò un grido. 
Un servo di casa Barbo accorse trafelato, facendosi largo tra la folla ammutolita per la “maledizione” lanciata da Pietro, e bestemmiando e imprecando urlò che il suo padrone, il conte Lorenzo Barbo, aveva appena confessato alla moglie di essere stato lui ad assassinare Alvise Guoro.

Le autorità della Serenissima, che si vantavano sempre di aver in ogni momento attuato una giustizia giusta per tutti, si raggelarono alla notizia. Da quel giorno in avanti, ad ogni udienza processuale veniva pronunciata una frase di rito: «Recordeve del povaro fornareto!», «Ricordatevi del povero fornaretto», per tutelarsi dal rischio di ingiuste condanne.

Non è però tutto. 
Da quel giorno due fiaccole, oggi sostituite da due lampadine rosse, sono accese dal tramonto del sole allo spuntare dell’alba, sul lato sud della Basilica di San Marco, esattamente di fronte al punto in cui sorgeva il patibolo per le esecuzioni capitali.

E la maledizione lanciata da Pietro in punto di morte? 

Annella, la fidanzata, fece una triste fine, morendo annegata in un canale mentre sciacquava dei panni. Il conte Lorenzo Balbo, l’assassino, morì mentre pranzava, soffocato da un boccone mentre discuteva di politica e giustizia. 
Il doge visse, vecchio e assai malridotto, fino a 86 anni. 
Il nobile Garzoni, antagonista politico della famiglia Barbo, e principale accusatore di Pietro (aveva infatti testimoniato di aver visto l’uomo pugnalare ripetutamente il Guoro), venne pugnalato a sua volta sotto la torre dell’Orologio. 
E infine la contessa Barbo, che aveva pianto (false) lacrime amare per la scomparsa prematura del cugino, morì lo stesso anno dell’esecuzione, colpita da una polmonite fulminante.
A conclusione, vi segnalo questa interessante ricostruzione dell’esecuzione del povero fornareto, una storia dell’evento raccontata in prima persona di uno dei veneziani più famosi. Riassunto tratto da “Il fornaretto di Venezia” di Franco Zagato.
Print Friendly

Autore dell'articolo: Donata Ginevra

Perchè dovrei scrivere informazioni su di me, quando per questo è stata creata la pagina ABOUT ME?

9 thoughts on “Recordeve del povaro fornareto!

    Piero Pazzi

    (23 aprile 2015 - 19:44)

    il ministro della Cultura e della Propaganda del III Reich diceva: “delle bugie rimane sempre qualcosa”. La storia del “povero fornaretto” non ha alcun fondamento storico ed è stata inventata nell’Ottocento per cercare di oscurare il mito di Venezia. Di questo Pietro Tasca (il fornaretto) non si trova nessun riscontro nei registri dei condannati a morte che ancor oggi si conseervano.

    Mathias

    (16 novembre 2011 - 16:20)

    Klodin comincia a darmi sui nervi! è_é

    Liber@discrivere

    (26 ottobre 2011 - 16:19)

    @Nick: grazie zietto, mi lusinghi!
    @Misia e Ariano: lieta di avervela fatta conoscere allora!
    @Occhio: vero…l’oppressione è smpr una bruttisisma cosa 😉
    @Angie: verissimo amica mia.
    @Klod:Sarebbe un’ottima idea in effetti…da paura proprio!!!

    Klodin

    (25 ottobre 2011 - 14:52)

    Nicola è vero, concordo con te,Tata è bravissima.Stavo pensando:non si potrebbe fare un video in cui lei racconta queste storie?una ambientazione un pò noir,candele,luci basse.E lei con la sua voce.Da Hallowen proprio! Bella TSO! OHhh ma dove sei???

    angie

    (24 ottobre 2011 - 19:03)

    Quanti Fornareti in questo nostro mondo, certo che la giustizia a volte è più ingiusta dei malfattori.
    Ciao
    Angie

    occhio sulle espressioni

    (24 ottobre 2011 - 16:55)

    Per gli oppressi è sempre stata più tragica!

    Ariano Geta

    (24 ottobre 2011 - 7:17)

    Avevo sentito parlare tante volte del “fornareto”, ma la storia nei dettagli non la conoscevo.

    Artemisia1984

    (23 ottobre 2011 - 19:54)

    Non la conoscevo, ma non mi resta che dire ”povaro fornareto”…

    Nick

    (23 ottobre 2011 - 16:59)

    La conoscevo già, ma come le racconti tu le storie veneziane non le racconta nessuno.
    Digo mi ciò.

Rispondi