Uffa e riuffa……..

14 giugno 2011
Questo post esce dai canoni del blog, ma visto che ho ricevuto una “simpatica” mail da una persona che manco si firma (ma forse non sa che il mittente si vede sempre e comunque) e che mi ha buttato addosso una valanga di accuse, non posso far altro che rispondere nel modo che ritengo più corretto…

La persona mi accusa di aver usato per i quattro post dedicati al fantasma di Asiago delle foto di sua proprietà.

Ora:

1) non so se tu abbia il dono dell’ubiquità o il potere di duplicare le cose, ma le foto che ho inserito sono state scattate nell’agosto 2008 con la fotocamera del mio defunto nokia e65, e da allora sono sempre state salvate nell’HD del mio Pc. Come fanno a essere le tue, che dici di aver scattato lo scorso anno? Hanno forse viaggiato nel tempo?

2) Le foto che inserisco le ricavo da siti internet che non hanno diritti d’autore, dunque sono pubbliche. Se hanno copyright segnalo il nome di chi ha scattato la foto e da dove le ho prese. Se non si possono proprio prendere, segnalo ai lettori il sito in cui visualizzarle.

3) La storia del fantasma di Asiago è una storia che ho raccontato IO, dopo che mi è stata raccontata da una persona di Asiago. Se la cosa ti dà fastidio non so che fare, in Italia c’è (ancora) libertà di pensiero, parola e azione…che problema ti fai?

Tra tutti i blog che esistono sulla rete, proprio a me dovevi venire a rompere……..le uova nel paniere?!?

Potrebbero interessarti anche....

17 commenti

  • Mathias 17 novembre 2011a15:30

    ….ci penso io…. è_é

  • Anonymous 18 giugno 2011a14:43

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

  • gian_74 16 giugno 2011a23:54

    Ma non cancellare che sa di “censura”. Fottitene e basta, il mondo è bello perché è avariato! 😉

  • Nick 16 giugno 2011a18:32

    Quoto in pieno la Waterwich.

  • Waterwitch 16 giugno 2011a11:32

    Non le rispondere e cancella i suoi commenti: è ora diportare la spazzatura fuori di casa!

  • liber@discrivere 15 giugno 2011a14:44

    @Anonimo (Michela Tagliaferro come da mail). la mia drosera ha fame…vuoi essere la sua preda, zanzara schifosa che non sei altro?

  • liber@discrivere 15 giugno 2011a14:43

    @Gian_74 e 7di9 … odio i troll! e ne ho beccato uno! sigh…non esistono diserbanti contro questi scarafaggi?

  • liber@discrivere 15 giugno 2011a14:42

    @Monsieur. Già il fatto chetu abbia citato Dante mi mette di buonumore 😉 Grazie!

  • liber@discrivere 15 giugno 2011a14:41

    @WW: nn immagini che nervoso mi fa venire sta “persona”!

    @Artemisia: evidentemente c’è chi passa il tempo in qst modo subdolo!

  • 7di9 15 giugno 2011a8:33

    Eh, i troll… Cosa sarebbe internet senza i troll? 🙂

    7

  • gian_74 15 giugno 2011a7:55

    @Liber@discrivere: Don’t Feed the Troll! 😉

  • Anonymous 15 giugno 2011a7:42

    E brava! vedi quanti amiratori e avvocati hai!

  • Monsieur Leguizamo 15 giugno 2011a7:33

    Non ti curar di loro, ma guarda e passa…
    Neanche immagini le cose di cui sono stato accusato io…e sempre rigorosamente in forma anonima! (tutti dei gran cuordileone questi detrattori!)
    Bisous

  • Artemisia1984 14 giugno 2011a21:14

    E’ facile sparare a zero da anonimi! Come si fa a rivendicare la proprietarà di qualcosa senza nemmeno qualificarsi come autore!!

  • Waterwitch 14 giugno 2011a20:53

    Io penso che se fosse un’accusa fondata o quanto meno se la persona in questione ne fosse convinta non ti avrebbe mandato una mail anonima. E’ una scherzo idiota di un cazzone che no ha niente da fare, spero tanto che questa sua stronzaggine gli venga ricambiata prima o poi!

  • liber@discrivere 14 giugno 2011a20:38

    @Nick. Certo, so di esser a posto con la coscienza, evidentemente c’è gente che si diverte così…o forse hanno semplicemente paura dei fantasmi? Mistero!

  • Nick 14 giugno 2011a20:36

    Guarda,mi dispiace che sia successo quest’inconveniente. Il problema è che di situazioni del genere ma mano che il tuo blog acquisterà visibilità ne capiteranno di tanto in tanto.
    Tu comunque vai tranquilla per la tua strada e fregatene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Show Buttons
Hide Buttons