Villa Melano e i suoi misteri

Per la serie Case stregate, oggi mi allontano dal mio amato Veneto per spostarmi dall’altra capo della testa dell’Italia, in Piemonte, più precisamente in provincia di Torino, a Rivoli, dove sorge una villa che ha fatto parlare molto di sè negli ultimi tempi. Villa Melano.

Se ne sono dette di cotte e di crude. Ne ha scritto la stampa, ne hanno scritto in internet, se ne parla ogni giorno nei piccoli paesini alla cintura di Torino.
Villa Melano continua ad affascinare turisti e abitanti del luogo che, sempre di più, sono attratti dal mistero e dalle atmosfere lugubri. Ormai, per i più giovani, la visita a Villa Melano rappresenta “un rito” per dimostrare il proprio coraggio ed entrare nel mondo dei grandi. Si è detto che è una villa in cui vivono dei fantasmi, dove avvengono sacrifici umani, dove si pratica il culto di Satana, dove avvengono messe nere e cose di questo genere.
Sono state fatti dei sopralluoghi, scattate fotografie, che hanno immortalato ogni anfratto di questa splendida dimora.

LA VILLA
Villa Melano ha oggi un aspetto molto lontano da quello che era il suo progetto costruttivo, che la vedeva come convento cappuccino a partire dal 16 settembre 1601.

Durante tutto il ’600 e parte del secolo successivo, la storia dell’edificio fu collegata con le vicissitudini del vicino Castello, con il quale aveva diretta comunicazione. Dopo la soppressione conventuale decretata nel 1805 dal governo napoleonico, la costruzione divenne di proprietà di Antonio Caire. Acquisita poi dal Conte Garetti di Ferrere, divenne proprietà della famiglia Melano nella seconda metà dell’800.
In tale periodo vengono avviati complessi lavori di ristrutturazione che trasformano in modo radicale il vecchio convento e dove all’abbattimento della chiesa seguì la complessa modellazione dei giardini.
Oggi la villa la si incontra dietro un forzuto cancello, a mezza via di una strada ciottolosa che porta il nome stesso della proprietà e che inerpicandosi sulla collina la valica sottopassando il Castello.

In un effimero gioco di volumi, portici, finestre e abbaini, il sito manifesta, purtroppo, le crudeli devastazioni del tempo e l’incuria degli uomini. Il luogo si osserva, si interroga in un silenzio diafano, quasi che il suo destino fosse stato profetizzato da un misterioso anatema.

Da dove sorge allora il mistero su Villa Melano?

LA LEGGENDA

Tutto iniziò quando la grande villa passò in mano alla famiglia Melano. Si dice che la figlia del proprietario si suicidò per una delusione amorosa e da allora la sua povera anima vaghi senza pace tra le mura della reggia.
Chi si è recato alla villa per incontrare il fantasma ha testimoniato che l’atmosfera incute timore: le stanze, a volte, sono buie e al loro interno si intravedono ombre misteriose, ma probabilmente è tutto frutto di suggestione.
Quel che è peggio, però, è che una dimora così bella sia stata deturpata:

osservando alcune scritte sui muri, e qualche resto di animale bruciato, ci si può facilmente accorgere che la villa è un punto di incontro per la pratica dei riti satanici… davvero triste!

Le ultime notizie parlano di un intervento di ristrutturazione della Villa, ma ad oggi sembra che, sebbene i lavori siano stati iniziati, tutto taccia!

Speriamo che la villa, che non è per nulla infestata come tanti credono, torni presto agli antichi splendori!

Vi lascio con un video di youtube, girato da alcuni temerari che si sono addentrati nei misteri della villa…

 

Print Friendly

Autore dell'articolo: Donata Ginevra

Perchè dovrei scrivere informazioni su di me, quando per questo è stata creata la pagina ABOUT ME?

16 thoughts on “Villa Melano e i suoi misteri

    Luca

    (22 ottobre 2016 - 14:13)

    Ciao a tutti io sono di Rivoli da ragazzini la sfida era ki aveva coraggio ad entrare ho ancora il ricordo delladrenalina nel corpo il tunnel la villa i sotterranei ke paura ragazzi…. Se ci penso
    Meriterebbe un film

    ASTAROTH29

    (17 ottobre 2016 - 16:01)

    CI ANDRO’ …..mi interessa entrare

    Alessandra

    (18 dicembre 2014 - 22:42)

    io non ci vado ho paura

    Alessandra

    (18 dicembre 2014 - 22:40)

    io con il cavolo che ci vado

    christian vessichelli

    (2 ottobre 2012 - 18:35)

    Ragazzi, questa villa fa davvero paura. Ma è questo che piace a noi, la paura. La villa ora è in fase di ristrutturazione ma i lavori sono stati interrotti a metà, anzi, neanche a metà. Guardate com’è ora

    PROSSIMAMENTE SU TORINO REPORTER, IL VIDEO 2012 DELLA VILLA, CON UN INCREDIBILE SCOPERTA: IL REPORTAGE DEI CUNICOLI SOTTERRANEI INFINITI . SEGUITECI SU FACEBOOK
    http://www.facebook.com/pages/TorinoReporter/173330639413580?fref=ts

    Mathias

    (17 novembre 2011 - 12:22)

    Bravaaaaaaaaa! un giorno mi ci porti vero? :*

    Anonymous

    (30 giugno 2011 - 17:38)

    Ci andiamo vero??? vero che sì???
    dai portamici :o))

    K.

    liber@discrivere

    (19 maggio 2011 - 13:48)

    @Nick Ti ringrazio, attendo tuoi prossimi misteriosi-post!
    @ Occhio sulle espressioni. grazie a te! ho in serbo una nuova storia, appena sarà pronta e corredata da alcune immagini che sto cercando sarà pubblicata
    @ Eddy sì sì è solo l’inizio 😉

    Eddy

    (18 maggio 2011 - 15:42)

    Che figata. ‘sta roba delle case stregate mi prende parecchio. Spero sia solo l’inizio!

    occhio sulle espressioni

    (18 maggio 2011 - 14:03)

    Sì, ne avevo letto anch’io, ma non immaginavo che, per eventi vari, fosse tenuta così in considerazione. Inquietanti anche molte foto nel video!
    Al prossimo “acquisto”!

    Nick

    (18 maggio 2011 - 8:42)

    Complimenti. Stai andando forte.
    Tra questa e la prossima settimana potrei parlare anch’io di misteri.
    Stay Tuned.

    liber@discrivere

    (18 maggio 2011 - 8:08)

    Grazie infinite, sono in arrivo altri post su case stregate…per ora situate nel Veneto, visto che è la mia zona e la conosco di più, ma non escudo che le mie ricerche mi portino a fare qualche tappa anche al Sud 😉

    EDU

    (18 maggio 2011 - 6:29)

    Lugubre davvero Villa Melano. La conoscevo già ma rileggendo il tuo post anch’io ho avuto un brivido. Le dimore stregate hanno sempre un alone nerissimo soprattutto se sono capitate cose spiacevoli.
    Bel lavoro!

    Artemisia1984

    (17 maggio 2011 - 23:19)

    E dulcis in fundo…vengo da te a terminare le mie visite alle dimore (in questo caso stregate) dei miei amici blogger..
    brrr…davvero lugubre …fa venire i brividi!!!
    Aspetto qualche mistero dal sud Italia…;)

Rispondi