Il mistero di Palazzo del Cammello

In Campo dei Mori sorge un bellissimo palazzo, palazzo Mastelli, meglio conosciuto come Palazzo del Cammello, per via di quel bassorilievo raffigurante un cammello trainato da un uomo posto sulla facciata che dà sul rio.Fondato nel secolo XII dai fratelli Mastelli (i Mori del campo omonimo), deve l’attuale aspetto alle ristrutturazioni dei secolo XV e XVI, e presenta due piani, in stile lombardesco il primo e gotico il secondo.

Un palazzo davvero molto bello, sul quale esiste una curiosa vicenda, che ci porta abbastanza indietro nel tempo, nel 1757 per l’esattezza.

Narrano le cronache che proprio in questo periodo, per circa due mesi, e sempre alla stessa ora, i campanelli interni alle stanze iniziavano a suonare all’impazzata, e poi, improvvisamente così come avevano iniziato, si quietavano. Le cronache ci dicono anche che lungo le scale del palazzo si udivano passi d’uomo, si vedevano ombre agli specchi, le finestre chiuse si aprivano da sole, senza che nessuno fosse presente nel luogo in cui i fenomeni si manifestavano. Un curioso caso d’infestazione?

Beh, palazzi stregati a Venezia ce ne sono tantissimi, basti pensare al palazzo che uccide, Ca’ Dario, o anche a Ca’ Mocenigo… questo è forse uno di questi casi? Mano a mano che il tempo passava i fenomeni a Palazzo del Cammello si intensificavano, sia in numero che in modalità, avendo sempre una costante: il suono dei campanelli.

Giuseppe Tassini, nel suo Curiosità veneziane, scrive che “s’udirono per più sere consecutive suonare nell’ora medesima tutte le cinque campanelle interne delle stanze”.  Memorabile fu lo scompiglio causato tra gli abitanti della signorile dimora, di cui sempre fa menzione il Tassini: “Ne derivarono molta paura, svenimenti di donne, cavate di sangue…”.

Insomma una situazione davvero insostenibile, tanto che per liberare Palazzo del Cammello dal suo (o dai suoi) indesiderato ospite, si dovette ricorrere agli esorcismi del cappellano della Scuola di San Fantin. Quello raccontato potrebbe benissimo essere riconducibile a un possibile fenomeno di poltergeist, fenomeno che a Venezia si sarebbe peraltro verificato in altre occasioni e in altri luoghi

 

FONTE

 

7 Comments on “Il mistero di Palazzo del Cammello”

  1. @7di9. Grazie a te per la grada visita e x il follow! Le fonti non dicono quando cessarono esattamente le manifestazioni, devo fare ulteriori ricerche spulciando il Tassini, e questo sarà materia di un prossimo post: Tassini elenca una serie infinita di eventi di questo tipo.
    @Nick. grazie! L’avevo fatto anche con la storia del fantasma di Asiago, in 4 puntate!

Rispondi